2014 – lambda print on duratrans, wood, neon – 220x200x20cm

Un uomo è intrappolato nel silenzio di un’attesa sorda, senza risposte. Inequivocabile è la gestualità che simula quel corpo sospeso: una crocifissione. Qui, però, il “Figlio di Dio” non mostra i segni della passione, e non racconta le vicende evangeliche, piuttosto, con un alto senso di laicità e servendosi di un segno universale, viene messo in evidenza un profondo senso di oppressione e disagio che attanagliano l’uomo contemporaneo, sempre in attesa di risposte, mai ricevute.

A man is trapped in the silence of a deaf waiting, with no answers. The unmistakable gesture simulated by the body sospended is a crucifixion. Here, however, the “Son of God” does not show the signs of the passion, and does not express the Gospel story, rather, with a high sense of secularism and using a universal sign, it highlights a deep sense of oppression and discomfort that afflict modern men, always waiting for never received answers.